Strudel Salato al Profumo di Cumino

La verza è un ingrediente molto utilizzato nei paesi dell’Est e nel Nord dell’Europa.
Se vi capita di andare nel periodo invernale in Croazia o in Slovenia è facile che in accompagnamento alla carne di maiale vi servano uno strudel di verze.
Ogni volta che mi è capitato di mangiarlo ho provato il desiderio di conoscere la ricetta, ma sino ad oggi non sono stata fortunata.
Così ho deciso di sperimentare da sola una possibile realizzazione andando con la memoria a forme e sapori.
Il piatto è risultato gradevole e versatile, può essere presentato sia come antipasto, sia come portata unica quando si vuol rimanere leggeri.


STRUDEL SALATO AL PROFUMO DI CUMINO
Preparazione: 30 minuti | Cottura: 45 minuti
(Per 4/6 persone)

1 cavolo verza
1 cipolla bianca
2 spicchi di aglio
4 foglie di salvia
1/2 cucchiaino di semi di cumino
150 gr. di formaggio “Asiago” fresco
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 confezione di pasta sfoglia rettangolare
Sale e pepe

Pulire la verza dal torsolo e dalle foglie più esterne, tagliarla a striscioline e passarle sotto l’acqua corrente.
Nel frattempo in un’ampia padella versare l’olio, l’aglio, la cipolla tagliata a fettine sottili e la salvia. Far appassire il tutto per pochi minuti, quindi aggiungere la verza, un bicchiere di acqua, sale e pepe.
Mescolare spesso la preparazione, dopo circa 20 minuti di cottura dovrebbe risultare morbida e il liquido asciutto, aggiungere i semi di cumino e spegnere il fuoco.
Scaldare il forno a 180 gradi.
Aprire la confezione di pasta sfoglia e srotolare la pasta sopra un foglio di carta da forno. Versare il composto di verza in modo uniforme sulla pasta avendo cura di lasciare circa due centimetri di bordo in giro liberi dal ripieno. Infine stemare sopra la verza il formaggio tagliato a bastoncini.
Aiutandovi con la stessa carta da forno che avvolge la sfoglia arrotolare la pasta formando così lo strudel.
Sistemare lo strudel su una pirofila e infornarlo per 45 minuti.
Servirlo ben caldo a fette spesse o più sottili se è un antipasto.

PDF
Posted in Antipasti, Ricette. RSS 2.0 feed.

Lascia un Commento